Riso basmati, rosso o venere: quale ha i migliori benefici?

Riso basmati, rosso o venere: quale ha i migliori benefici?

Il riso è un ottimo alimento, non solo per il gusto ma anche perché spesso viene consigliato per l’utilizzo in diete dimagranti oppure in determinate terapie di cura o prevenzione di svariate patologie. Oggi, inoltre, considerando la tendenza sempre crescente al consumo di cibo giapponese, cibo cinese, cibo thailandese o di altre tradizioni culinarie asiatiche, la nostra confidenza col riso si è allargata, arrivando al consumo di tipi di riso che fino a qualche tempo fa per tanti erano sconosciuti.

Non è difficile oggi entrare in un supermercato oppure consultare un sito di vendita online di cibo e alimenti biologici e trovare oltre al classico pacco di riso anche altre tipologie più esotiche, come il riso basmati, il riso rosso e il riso venere, solo per citare i tipi di riso oggi più conosciuti ed utilizzati.

Ognuna di queste tipologie di riso ha diverse caratteristiche, diversi valori nutrizionali e apportano diversi benefici che, ovviamente, sono diversi da quelli della pasta, anche se spesso molti commettono l’errore di considerare il riso un sostitutivo della pasta.

Andiamo, quindi, a prendere in considerazione il riso basmati, il riso rosso e il riso venere per conoscere quale ha i migliori benefici. Però è d’obbligo precisare che non esiste un riso che ha migliori benefici e un riso che ha peggiori benefici in assoluto. Per discutere della questione è necessario mettere in relazione il consumo del riso con i risultati bionutrizionali che si vogliono ottenere.

Il riso basmati per riequilibrare le funzioni gastriche

Il riso basmati, che oltre alla versione classica si trova in commercio anche nella versione integrale, è un tipo di riso caratterizzato dalla presenza al suo interno di un amido chiamato amilosio, che lo rende più digeribile e che aiuta a riequilibrare le funzioni gastriche ed intestinali.

E’ un riso che contiene glutine, quindi consigliato per chi soffre di celiachia, ma è anche consigliato per le diete dimagranti in quanto contiene potassio e pochissimi grassi: basti pensare che 100 grammi apportano 340 kcal e sono discretamente presenti anche le proteine. Nonostante ciò riesce a restituire un senso di sazietà molto maggiore rispetto ad altre tipologie di riso.

E’ di facile reperibilità: il riso basmati può essere acquistato online con consegna direttamente a casa tua grazie a siti e-commerce di prodotti biologici, oltre che essere trovato nei vari supermercati o negozi specializzati.

Il riso rosso per combattere il colesterolo

Il riso rosso è una varietà di riso orientale che viene coltivata anche nella Pianura Padana. Oggi è facile trovarlo in diversi supermercati che offrono prodotti biologici, nelle botteghe del commercio equo e solidale. Ma, ovviamente, il riso rosso è acquistabile online su siti di vendita di prodotti biologici.

Il riso rosso è un riso integrale, ha una forte funzione antiossidante e viene consigliato per favorire il funzionamento corretto dell’intestino e per tenere sotto controllo i livelli di colesterolo nel sangue. Consumare riso rosso integrale aiuta a ridurre il rischio di obesità e a tenere bassa la glicemia. La sua ricchezza di sali minerali rende il riso rosso benefico per le ossa.

Il riso venere contro l’invecchiamento

Il riso venere è una varietà di riso caratterizzata non solo dal colore nero ma anche da alcune sue peculiarità organolettiche. Ha un contenuto di ferro e selenio sensibilmente maggiori rispetto al riso comune, il che lo aiuta a favorire un’importante attività antiossidante utile per il miglioramento delle difese immunitarie e per ritardare l’invecchiamento.

Ma è un’arma contro l’ossidazione anche grazie all’alto contenuto di antociani, sostanze vegetali capaci di catturare i radicali liberi. Oggi è un riso particolarmente utilizzato e può anche essere acquistato online su siti specializzati nella vendita di prodotti biologici.